Yogurt di soya autoprodotto


I nuovi abitanti di casa mia, i fermenti lattici dalle Dolomiti, mi stanno dando grandi soddisfazioni!
Oltre allo yogurt classico, ho provato a fare quello di soya, visto che non mangio latticini.
Sono sincera, non mi piace moltissimo né il latte né lo yogurt di soia: così allo yogurt, al mattino, aggiungo un po’ di miele e/o marmellata di arance e il sapore ‘cartoso’ si trasforma.

Il procedimento per fare lo yogurt di soia è molto semplice, praticamente identico a quello per fare lo yogurt col latte vaccino:

1 – Sciacquare sotto l’acqua i fermenti lattici vivi e riporli in una bacinella di ceramica o vetro.

Fermenti lattici vivi
Fermenti lattici vivi

2 – Riempire la ciotola di latte di soya biologico e di buona qualità intiepidito fino a 40 gradi centigradi, nella stessa quantità dei fermenti lattici vivi.
3 – Coprire con un panno di lana o cotone, lasciando però un piccolo spiraglio, poiché i fermenti hanno necessità di aria.
4 – Lasciate riposare un massimo di 10 ore.
5 – Lo yogurt è pronto. Prendete, a questo punto, la bacinella di yogurt e con un colino a buchi molto molto piccoli (meglio quelli con la retina) passate lo yogurt facendolo cadere in un altro contenitore che avrete posto sotto il colino. Nel colino rimarranno i fermenti lattici, nel contenitore sotto il colino avrete il vostro yogurt.

Lo yogurt passato: in questo mod si dividono i fermenti lattici dallo yogurt medesimo
Lo yogurt passato: in questo mod si dividono i fermenti lattici dallo yogurt medesimo
lo yogurt di soya
lo yogurt di soya

I fermenti lattici andranno, quindi, sciacquati sotto l’acqua e coperti nuovamente di latte: il procedimento per la conservazione dei fermenti potrete trovarlo qui.

Immagino, infine, che molti di voi non hanno i fermenti lattici vivi: a parte che se avete un’azienda che produce formaggi artigianali vicina, chiederli non costa niente, ma se proprio non ne volete sapere dei fermenti, potrete utilizzare uno starter, ossia un altro yogurt, che sia però biologico, naturale e senza aggiunte di alcun tipo.
Per preparare lo YOGURT CON STARTER potete andare a questo link dove troverete il procedimento completo.

Annunci

2 commenti

Lascia il tuo Pensiero

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...