Lievito madre, pagnotte al curry


Le storie sul lievito madre non si esauriscono mai. Parlo di levito madre ogni volta che posso e i volti si accendono sempre di curiosità e passione.
Una ragazza che frequenta la mia scuola mi raccontava di sua nonna che il lievito madre lo crea, ogni volta, da zero: ogni pagnotta di pane parte da un lievito madre sempre diverso, immaginatevi che biodiversità!
Sabato al corso di autoproduzione di detersivi siamo finite a parlare del lievito madre, mentre la mia nuova pasta madre autoprodotta, Eva, stava vivacemente uscendo dal vasetto.
Gli occhi delle partecipanti la guardavano ammirate e allora, come non detto, ho offerto loro il mio spaccio: Eva ora ha altre 6 case, altri 6 nomi diversi, ha iniziato il suo viaggio nel mondo…

Il lievito madre è qualcosa di talmente affascinante che accomuna tante persone: su facebook frequento questo gruppo davvero interessante, appassionati che pubblicano ricette e idee continuamente.
Idee in fermento!
Ovviamente i miei esperimenti col lievito madre continuano: oggi in casa mia non c’è solo Costanza, che è divenuta licoli (ossia lievito madre liquido), ma appunto Eva, la pasta madre fatta da zero che ha già un ottimo piglio.
L’ultimo esperimento l’ho fatto oggi: il pane con lievito madre al curry.

lievito madre, pane con lievito madre
Ingredienti
150 gr di pasta madre rinfrescata il giorno prima;
800 gr di farina semintegrale
100 gr di farina di mais
1 cucchiaino di miele
1 cucchiaio di curry
Acqua tiepida q.b.

Alla sera, ore 20.00
Fate sciogliere la pasta madre con il cucchiaino di miele in acqua tiepida (circa 1 bicchiere).
Quindi aggiungere le farine, il cucchiaio di curry e acqua tiepida piano piano: iniziare quindi a impastare, aggiungendo acqua pian piano se necessario.
Impastare fin quando la pagnotta non è incordata – liscia e omogenea, significa che la catena glutinica si sta formando – si consigliano almeno 15 minuti. La pagnotta dovrebbe risultare morbida e leggermente appiccicosa ma non troppo.
Incidere una croce con decisione, quindi trasferire la pagnotta in una ciotola di vetro o ceramica e coprire con un canovaccio umido. Mettere in forno spento a lievitare fino al mattino.

Al mattino
Riprendere l’impasto giallo che dovrà essere almeno raddoppiato. Fate due pagnotte da 600 gr circa: schiacciatele leggermente formando un quadrato, arrotolatele utilizzando i pollici, l’ultimo lembo pizzicatelo chiudendolo.
Porre sul vassoio dove verranno cotte, distanziandole, nel caso utilizzate due vassoi: coprire e lasciare in forno con luce accesa fino al raddoppio, circa 2 ore.
Spennellare con olio extravergine di oliva, scaldare il forno a 200 gradi, infornare per 10 minuti a questa temperatura.
Quindi abbassate a 180 e proseguite la cottura per altri 30 minuti o fino a doratura.
La prova del pane cotto: quando il toc toc che praticherete sulla superficie del pane è sordo, allora potete sfornare. Si consiglia comunque di non aprire MAI il forno prima dei 40-45 minuti di cottura.

lievito madre

Annunci

2 commenti

Lascia il tuo Pensiero

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...