Erbe selvatiche commestibili, frittelle di acacia con pastella vegan e gluten free


Qua da me le acacie sono appena fiorite.
La Robinia Pseudoacacia fu chiamata così in ricordo di Jean Robin, botanico del Re Enrico IV, che piantò questo arbusto proveniente dall’America settentrionale, nel Giardino dei Semplici di Parigi. Conosciuta per essere un arbusto che ama l’umidità ma anche per la sua invadenza, cresce davvero molto velocemente, la robinia in primavera ci delizia di uno spettacolo senza pari: dai suoi rami iniziano a pendere grappoli di fiori bianchi candidi e profumatissimi, amati follemente dalle api che ci regalano il miele squisito di acacia.

Utilizzi in cucina
Ma i fiori di acacia o robinia non piacciono soltanto alle api: provateli crudi in insalata o pastellati e fritti, sbattuti con l’uovo e mangiati in frittata! Semi, corteccia e radici sono tossici.

robinia pseudo acacia, frittelle di acaciaIeri sono andata a raccogliere i fiori, consiglio di raccogliere quelli abbastanza chiusi, per preparare un pranzetto delizioso: le frittelle di acacia con pastella vegan e gluten free.
Preparare una pastella con 1/3 farina di mais integrale e il resto farina per pane senza glutine, acqua q.b per una consistenza desiderata. Un pizzico di sale e pepe se gradite.
Scaldate bene olio extra vergine di oliva, ne pasta poco, quindi inzuppare i grappoli di fiori nella pastella e trasferirli nell’olio.
Friggere fino a doratura da entrambi i lati.

Annunci

Lascia il tuo Pensiero

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...